Dolori dopo l’addominoplastica: capire e prendersi cura

Rispetto ad altre operazioni di chirurgia estetica, l’addominoplastica provoca dolori maggiori a causa della zona di intervento più grande e soprattutto a causa del gesto di serraggio dei muscoli addominali. Gesti essenziali sono da adottare per alleviare il dolore dopo la chirurgia addominale.

Addominoplastica: dolore dell’intervento

Alcune operazioni di addominoplastica Turchia associano una piccola liposuzione su una piccola area intorno all’ombelico. Altri interventi più importanti associano la liposuzione del ventre a quello che si chiama diastasi, cioè l’atto che mira a raddrizzare i muscoli del ventre. 

Inoltre, la pelle in eccesso viene rimossa per ottenere un risultato ottimale. Il dolore post-operatorio subito dopo l’addominoplastica varierà quindi notevolmente a seconda degli atti.

Non si avverte alcun dolore durante l’intervento poiché il paziente è sottoposto ad anestesia generale. Per alleviare i dolori nella sala di risveglio, in particolare se si è verificato un intervento muscolare, si applica un catetere che diffonde un anestetico locale vicino alle cicatrici. Dopo 24-48 ore, questa diffusione è sostituita dalla somministrazione di un antidolorifico, la cui dose varierà a seconda del paziente, ma anche dell’intensità del dolore.

Dopo il ricovero si ritiene che i dolori causati da un’operazione addominale plastica siano del tutto tollerabili e paragonabili a una curvatura dei muscoli addominali.

I gesti essenziali per minimizzare il dolore post-operatorio

Oltre ai gesti ospedalieri come l’assunzione di antidolorifici, ci sono abitudini da prendere durante la convalescenza per minimizzare gli inconvenienti dovuti all’intervento. Quindi, per i giorni successivi all’addominoplastica, è indispensabile mettersi in posizione semi-seduta, in modo da non distendere le cicatrici. Questa posizione è tanto più importante in quanto un’operazione di diastasi coinvolge non solo la pelle, ma tutta la massa muscolare a livello dell’addome.

Le incisioni devono essere trattate con grande cura. In ospedale, gli infermieri si occupano generalmente della sostituzione delle medicazioni. In seguito, occorre farlo regolarmente a casa o presso un operatore sanitario rispettando scrupolosamente le indicazioni del chirurgo.

Si sconsiglia vivamente di riprendere lo sport prima della scomparsa dei dolori. È pertanto essenziale seguire una dieta sana per evitare un improvviso aumento di peso che potrebbe influire sull’operazione. Anche le sigarette e gli alcolici sono proibiti perché rallentano la guarigione.

Per alleviare lo spostamento dei muscoli e della pelle, non dimenticate mai di indossare la guaina che vi sarà stata rimessa. Non esporre le tue cicatrici al sole. Inoltre, è utile non lavorare due a quattro settimane dopo l’addominoplastica in modo che il corpo riposa. Il lavoro anticipato può causare ulteriori dolori e prolungare il periodo di guarigione.

Il dolore si risolve generalmente 4-6 settimane dopo l’addominoplastica, se non ci sono complicazioni. Il rispetto delle raccomandazioni facilita il recupero.